Intervento firmato da PD Varese città a sostegno alle attività del sindaco Galimberti e alla giunta di Varese

Se l’emergenza sanitaria sta fortunatamente toccando la nostra città in misura limitata rispetto ad altre realtà vicino a noi, la sospensione di pressoché ogni attività produttiva si tramuterà presto in crisi economica in ogni angolo del nostro Paese; è quindi indispensabile che ogni istituzione faccia la sua parte per mitigare gli effetti della mancanza di liquidità e aiutare il rilancio dell’economia.

Giudichiamo positivamente le misure emergenziali sin qui adottate dall’Amministrazione comunale di Varese e, per converso, ingenerose e pretestuose alcune critiche pervenute in questi giorni.

Innanzitutto occorre riconoscere la tempestività con cui l’Amministrazione Comunale è intervenuta per aiutare efficacemente le fasce di popolazione più deboli, ad esempio attraverso l’erogazione dei buoni spesa; prima ancora è stato disposto il rinvio delle scadenze di pagamento di tutte le imposte comunali, e l’annullamento dei pasti fruiti alle mense scolastiche già del mese di febbraio, per citare alcune delle misure adottate.

Siamo tutti consapevoli che occorrerà fare di più per venire incontro alle esigenze di chi in questi mesi ha maturato solo spese ma non ha visto entrate; tuttavia, non si può trascurare il fatto che questo ragionamento si applica anche alle casse comunali.

Le esigenze di chi produce vanno contemperate con quelle di chi – il Comune – deve comunque erogare servizi, e si trova il bilancio stravolto per la mancanza di entrate attuali e programmate; inoltre, la cosiddetta fase 1 non è ancora terminata, e quella successiva, di “convivenza” con il virius, non è stata ancora delineata nei suoi contorni, né è possibile sapere ora in quale misura lo Stato aiuterà finanziariamente i Comuni.

Detto questo, siamo fiduciosi che l’Amministrazione comunale sarà flessibile nelle sue scelte e farà di tutto per sostenere il commercio cittadino, non solo annullando al massimo le pretese tributarie per il periodo di lockdown, in particolare per quanto concerne TARI e canoni di occupazione suolo pubblico, ma anche attraverso apposite iniziative di carattere aggregativo e culturale che facciano tornare a vivere la città.

PD Varese città
Segretario Luca Carignola

 

Fonte: varesenews.it